» Ricerca avanzata

Ricerca avanzata catalogo

106 Articoli/o sono stati trovati usando i seguenti criteri di ricerca

  • Produttore: HAZARD

Non trovi quello che stai cercando? Modifica la tua ricerca

Articoli da 1 a 100 di 106 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2

Lista Griglia

Imposta ordine discendente
  1. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 0   
  2. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 3   
  3. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  4. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Kim, un ragazzo povero di origine inglese, cresce come un monello nelle strade di una grande città indiana: i suoi occhi ancora ingenui, ma attenti e curiosi, scrutano il mondo alla continua ricerca di contatti e differenze tra la sua patria e l'Oriente misterioso.
    Per fortuna non è solo: un bizzarro monaco buddista e altri strani personaggi lo accompagnano nel difficile cammino verso la maturità. Dal celebre romanzo di Joseph Rudyard Kipling, Kim, Hazard propone una versione a fumetti che non mancherà di affascinare il lettore, per la maniera in cui le atmosfere indiane sono esaltate dagli splendidi acquerelli di Tisselli.
    Product Stock 3   
  5. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  6. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  7. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  8. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  9. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  10. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  11. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 0   
  12. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 6   
  13. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  14. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 7   
  15. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #1
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  16. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #2
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  17. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #3
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  18. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #4
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  19. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #5
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  20. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #6
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  21. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #7
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  22. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #8
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  23. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE CARTONATO #9
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 4   
  24. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #1
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  25. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #2
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  26. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #3
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  27. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #4
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  28. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #5
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  29. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #6
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  30. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #7
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  31. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #8
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  32. HAZARD
    Collana: MARTIN MYSTERE INTEGRALE
    Serie: MARTIN MYSTERE INTEGRALE #9
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  33. HAZARD
    Collana: LA STORIA DEI TRE ADOLF
    Serie: LA STORIA DEI TRE ADOLF #1
    FUMETTI > MANGA
  34. HAZARD
    Collana: LA STORIA DEI TRE ADOLF
    Serie: LA STORIA DEI TRE ADOLF #2
    FUMETTI > MANGA
  35. HAZARD
    Collana: LA STORIA DEI TRE ADOLF
    Serie: LA STORIA DEI TRE ADOLF #3
    FUMETTI > MANGA
  36. HAZARD
    Collana: LA STORIA DEI TRE ADOLF
    Serie: LA STORIA DEI TRE ADOLF #4
    FUMETTI > MANGA
  37. HAZARD
    Collana: LA STORIA DEI TRE ADOLF
    Serie: LA STORIA DEI TRE ADOLF #5
    FUMETTI > MANGA
  38. HAZARD
    Collana: UN GENTILUOMO DI FORTUNA
    Serie: UN GENTILUOMO DI FORTUNA #1
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «Durante la mia vita professionale ho avuto il privilegio di conoscere numerosi artisti, tanti autori, ma solo due sino ad oggi hanno lasciato in me un segno profondo ed indelebile, Alberto Breccia e Hugo Pratt, due grandi, il primo introverso, umile, gentile, premuroso, paterno, amabile, l’altro affascinante, estroverso, spavaldo, impertinente, guascone, filibustiere e…
    Ho avuto l’onore di conoscerli e di amarli entrambi, e anche di vederli insieme e vi assicuro che si rispettavano, si detestavano, si amavano, ma soprattutto che, insieme, “los dinosaurios”, come diceva lo stesso Breccia scherzando, questi due grandi, due giganti, due montagne diventavano un vulcano pronto a esplodere.
    Ma veniamo a noi e a Paolo Cossi.
    Ora che il libro è pronto, sono molto contento del risultato: con i disegni e la sceneggiatura di questo 'Visioni africane', Paolo Cossi ci riporta un racconto fresco, affascinante e ricco di particolari, che riprende sì a grandi linee la vita e le storie che più volte lo stesso Pratt o le sue varie biografie scritte ci hanno raccontato, ma calandole nel vivo dell'occupazione coloniale italiana in Etiopia, facendoci vedere quegli anni e i suoi protagonisti con una luce tutta nuova e originale, a merito della sua straordinaria sensibilità per i dettagli della storia e delle sue aberrazioni.

    Grandissimi complimenti quindi a Paolo Cossi che ha avuto il coraggio e la capacità di saper interpretare un mito senza cadere nella trappola del già visto, già sentito o peggio di cadere nella sua imitazione. Personalmente, leggendo questa storia mi sono divertito, entusiasmato, e ho potuto rivedere, come da tanti anni non mi succedeva, un lavoro d’Avventura che emoziona e fa sognare.

    Proprio come nei grandi romanzi di Hugo Pratt, dove la fine ci lascia sempre dispiaciuti proprio perché finisce, e con esso anche il breve viaggio e sogno che facciamo, così anche per questo libro un languore ci prende e ci chiediamo, e dentro di noi speriamo, che continui.

    Questo lavoro è stato per tutti noi un atto dovuto alla memoria di un grande, un omaggio, ma soprattutto un atto d’amore verso il più grande, il Maestro.»
    (dalla Presentazione di Gianni Miriantini)
    Product Stock 3   
  39. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Storia popolare dellʼimpero americano è la
    “versione a fumetti” del best-seller
    A Peopleʼs History of the United States, libro
    che ha rivoluzionato il campo della storiografia
    raccontando i fatti storici “dal basso”, dal
    punto di vista dei loro protagonisti misconosciuti:
    pellerossa, schiavi in fuga, soldati neri
    nella guerra ispano-americana, minatori in
    lotta, militanti pacifisti, vittime di guerra…
    Product Stock 1   
  40. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > MANGA
  41. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
  42. HAZARD
    Collana: UN GENTILUOMO DI FORTUNA
    Serie: UN GENTILUOMO DI FORTUNA #2
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «Hugo Pratt attribuiva molta importanza alla prima e all’ultima frase di un libro.
    Nel 1990-91, quando preparavo con lui una raccolta di interviste sulla sua vita, aveva deciso (e a me toccava far sì che ciò fosse possibile) che il titolo del libro e le ultime parole dell’intervista dovessero essere: “Il desiderio di essere inutile” e che la prima frase da lui pronunciata sarebbe stata: “Conosco almeno tredici modi diversi di raccontare la mia vita” (da cui deriva la mia domanda successiva: “Quale delle sue vite vuole raccontare?”). Questa frase iniziale ha spinto Paolo Cossi a presentare, nei volumi di Un gentiluomo di fortuna, una sua propria versione della vita di Hugo Pratt.
    Non di un’opera di storia si tratta, dunque, ma di un omaggio libero, gioioso e affettuoso alla figura del giovane Hugo.
    Di certo, l’Hugo Pratt che ho conosciuto si sarebbe molto divertito leggendo questo libro di Paolo Cossi, e questo è il miglior complimento che gli si possa fare.»
    (dalla Presentazione di Dominique Petitfaux)
    Product Stock 0   
  43. HAZARD
    Collana: UN GENTILUOMO DI FORTUNA
    Serie: UN GENTILUOMO DI FORTUNA #3
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il terzo volume, A passo di tango, segue l’affermarsi del giovane Pratt nel mondo del fumetto, dalla rivista l’«Asso di Picche – Comics» di Venezia, fino ai grandi successi di Buenos Aires, per poi prendere alla lettera la “sfida” lanciata da Pratt di «partire dal segno per raccontare la vita», e inoltrarsi in un racconto visionario che magicamente mescola realtà, sogno e avventura, passando per misteriosi portali che permettono di superare lo spazio e il tempo, e volare avanti e indietro fra Trieste e Cordoba, Stone Henge e Genova.
    Sono questi ”luoghi” a fornire gli sfondi di un grande quadro in continuo divenire sul quale l’ispirazione pittorica di Paolo Cossi si misura meravigliosamente col compito di cercare e incontrare il potere del “segno” lasciato da quella vita che il Maestro seppe inventarsi e vivere.
    Product Stock 5   
  44. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Secondo il racconto biblico, dopo il diluvio, l’Arca di Noè si sarebbe adagiata tra le sommità dell’Ararat, il monte che con i suoi oltre cinquemila metri d’altezza è la vetta principale dell’attuale Turchia.
    Quale realtà corrisponde a questo racconto? Azad Vartanian, il personaggio principale di Ararat, la montagna del mistero, intende accertarlo.
    È convinto che comparando le testimonianze e i reperti storici si possa arrivare a individuare precisamente il sito che custodiva i resti dell’Arca e che ancora ne reca traccia. Giunto sull’Ararat nei pressi del campo, in una 'zona impervia e pericolosa, dove non vi sono alberi ma solo rocce vulcaniche e taglienti che generano frane continue', capisce che, al di là dell’aura sacra che lo circonda, questo sito è soprattutto un luogo eternamente conteso, segnato da un lungo passato di conflitti che hanno lasciato ferite insanabili nella memoria di tutte le popolazioni anatoliche, e ancor oggi strettamente controllato dall’esercito dello Stato turco.
    Quelle ferite riaffiorano a poco a poco dalle parole, dai gesti e dai silenzi dell’anziano pastore curdo che amichevolmente ospita Azad, lo istruisce, lo guida ai luoghi desertificati e oscuri ov’ebbe luogo, nel 1915, l’eccidio degli armeni che abitavano la montagna, e con ritegno gli mostra quanto vi resta sperso dei loro villaggi e dei loro corpi.
    Alla fine, il suo non sarà più soltanto il viaggio avventuroso di un intrepido alpinista e archeologo, e andare fino in fondo alle sue ricerche sull’antico mistero del monte Ararat gl’importerà meno di quel che ha dolorosamente appreso di sé, del mondo in cui vive e degli uomini che lo abitano.
    Product Stock 20+   
  45. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 2   
  46. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Pietro Querini, gentiluomo e mercante veneziano, nel 1431 partì da Candia alla volta delle Fiandre sulla nave Gemma Quirina, carica di vino e spezie, con un equipaggio di sessantotto marinai.
    Ma la Gemma Quirina non giunse mai a destinazione. Dopo una deriva nell’Oceano Atlantico in pieno inverno, Pietro Querini e altri dieci superstiti, furono accolti sull’isola dell’arcipelago norvegese Røst, a nord del circolo polare artico. Fu qui che Pietro Querini scoprì l’«oro bianco» ovvero il baccalà, che, dopo un difficile e lungo viaggio di ritorno, comincerà a far conoscere ai veneziani.
    La sua scoperta influenzerà molto non solo gli usi e i costumi ma persino il modo di navigare di tutta un'epoca.

    Il romanzo a fumetti di Paolo Cossi, permette di rivivere questo «capitolo minore» della storia dei viaggi e delle esplorazioni.
    Arricchiscono il volume una prefazione del conte Paolo Francis Quirini di Santa Giustina – Patrizio Veneto, Cavaliere ereditario di San Marco e di Stola d’oro, discendente diretto di Pietro Querini –, alcune ricette per cucinare il baccalà e una cartina storica.
    Product Stock 5   
  47. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il Giappone, è un caleidoscopio di tradizioni e contraddizioni, una realtà in cui convivono in costante armonia le usanze più antiche e le tecnologia più avanzate nel mondo.
    Questa dicotomia si riflette anche nella millenaria tradizione culinaria in continuo contrasto con le nuove tendenze gastronomiche, come i fast food, che ormai da tempo sono parte integrante delle abitudini alimentari dei giapponesi.
    Ma c'è un prodotto tipico, unico e insostituibile, profondamente radicato nella cultura del Sol Levante che continua ad esercitare un fascino dal quale nessuno può restare immune: il sushi. Il titolo di questo volume, Edomae no Shun, che letteralmente significa “Le stagioni nello stile Edo”, allude a un tipo di preparazione del sushi tipica dell’area di Tokyo (Edo è l’antico nome di Tokyo), dove il pesce veniva pescato e preparato fresco di giornata.
    Questo libro guiderà il lettore attraverso un mondo raffinato e squisito, una variegata miscela di gusti e colori, fatta di riso, pesce, verdure e ingredienti originali come alghe, zenzero e wasabi. Questo vademecum sul sushi trae spunto da una fortunata serie a fumetti pubblicata in Giappone dalla Bungeisha, Edomae no shun - I fondamenti del sushi. È la storia di un ragazzo, Yanagiba Shun, destinato a succedere al padre nella gestione del prestigioso ristorante di Ginza, 'Yanagi-zushi'. Per conquistare la palma di miglior chef, dovrà affrontare varie avversità e sbaragliare i rivali con le sue sensazionali creazioni, in un crescendo di emozioni che metteranno duramente alla prova tutto il suo straordinario talento.
    La passione che traspare dalle pagine del fumetto è interamente riversata in questo libro: gli articoli presentati, illustrati con evocative foto a colori, si distinguono per accuratezza e precisione, ogni pesce e ogni ingrediente viene descritto nei minimi particolari, il tutto corredato da informazioni dettagliate riguardanti metodi di cottura, indicazioni geografiche, stagioni e curiosità di ogni genere. Completano la trattazione tutti i consigli per la preparazione del sushi con accenni alle ricette, rubriche e approfondimenti, nonché un comodo glossario per comprendere i termini specialistici.
    Una guida pratica ed esaustiva che offre uno spaccato di questo affascinante mondo, un modo per conoscere più da vicino il sushi, quintessenza dello spirito più autentico e genuino di questo lontano Paese dell'Estremo Oriente.
    Product Stock 2   
  48. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il racconto di Paolo Cossi inizia con un omaggio a Ernst Friedrich e una visita all’Anti-Kriegs Museum (Museo contro le guerre) da lui fondato a Berlino nel 1924. Il protagonista, Nicolaj, in visita al museo nel 1932, riconosce tra i volti sfigurati dei soldati feriti in guerra, ritratti in alcune foto esposte, quello di un soldato, Franz Damman, incontrato sul fronte galiziano, che gli aveva mostrato i suoi “disegni di cose sperate” per quando la guerra fosse finita e letto frammenti di lettere della moglie, dai quali trapelava tutto il dramma suo e del loro paese, Caoria, rimasto nella “terra di nessuno” tra le linee nemiche, e i cui abitanti erano stati deportati nei campi profughi di Mitterndorf, in Austria, e Manduria, in Italia.
    La situazione e il destino delle popolazioni dei piccoli paesi di confine affiorano in tutta la loro durezza dallo sfondo di atrocità della guerra mondiale denunciate con forza da Friedrich.
    Completa il volume una selezione di pannelli della sezione della mostra Il fronte di fronte dedicata all’illustrazione negli anni della guerra 1914-18, sui manifesti e i periodici dell’epoca, e in particolare sui “giornali di trincea” promossi dal servizio Propaganda del Ministero della guerra.
    Product Stock 2   
  49. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Ambientato nella tentacolare città di Nekropolis, il racconto è incentrato sulla figura dell’investigatore privato Ras Casal. Inseguito da demoni e ricordi e sempre sull’orlo della follia, è compleatamente assuefatto all’uso di farmaci, viene ingaggiato dal professor Noah per cercare di trovare un vecchio collega, Theobald Hall. Hall è un brillante scienziato informatico probabilmente vittima del governo e scomparso in circostanze misteriose. La caccia alla ricerca di Theobald ha inizio e sarà una lunga discesa all’inferno per Ras... Il suo viaggio nel labirinto di Nekropolis si trasforma nella sua ultima via d’uscita verso la redenzione.
    Product Stock 5   
  50. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Nel suo ultimo libro, Disastri e resistenzail cartoonist newyorchese Seth Tobocman, con la consueta forza espositiva e la padronanza della narrazione per immagini a cui ci ha abituato, si confronta con i traumatici eventi che hanno segnato la vita del pianeta in questo inizio millennio: l’11 Settembre, la guerra in Irak e in Afganistan, il dramma di New Orleans, il problema dell’economia e del riscaldamento globale.
    In Disastri e resistenza, Tobocman non si è limitato a prendere in esame le catastrofi degli ultimi tempi, ma ha dato soprattutto voce e testimonianza alle diverse lotte politiche e sociali che spesso l’hanno visto in prima linea, dalle proteste contro le politiche della Banca Mondiale a quelle dei pacifisti contro la guerra, senza dimenticare l’esempio di resistenza disperata di palestinesi e israeliani uniti contro la costruzione del muro in Palestina, dei cittadini di New Orleans in difesa delle loro case dalla speculazione a seguito dell’inondazione o della rivolta delle donne di Nairobi represse da un regime in mano alle compagnie del petrolio.
    Un’opera che raccoglie, attraverso un disegno sempre più personale ed evocativo, un lavoro attento di reportage assieme a pagine nate dal diretto impegno politico dell’autore in diverse realtà locali, che in maniera ancora più immediata mirano a rendere consapevole il lettore della necessità di prendere posizione e fare qualcosa. Del resto, l'arte per l'arte non esiste, scrive nell'introduzione Mumia Abu-Jamal, ma «ci dice delle verità sui nostri tempi e su noi stessi. Regge uno specchio in cui si riflette la società in cui viviamo. Come passandole ai raggi X, ci mostra le cose con una chiarezza che raramente si incontra sulle prime pagine dei giornali. È una fedele ricostruzione della prima cupa decade di questo XXI secolo».
    Product Stock 5   
  51. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  52. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 3   
  53. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Medz Yeghern, il Grande Male Medz Yeghern, il Grande Male è l’espressione con la quale gli armeni nel mondo designano oggi l’epoca dei massacri e delle deportazioni subiti dal loro popolo tra il 1914 e il 1916 da parte del governo e dell’esercito dell’Impero Ottomano. Paolo Cossi li descrive attraverso tre differenti spunti storici: la figura di Armin T. Wegner, il soldato tedesco che, a rischio della vita e contravvenendo agli ordini ricevuti, con i suoi reportage fotografici rivelò al mondo lo sterminio e le sevizie dei quali gli armeni erano stati vittime; il tentativo di resistenza armena passato alla storia come “i quaranta giorni del Mussa Dagh”; il processo al sopravvissuto armeno Soghomon Tehlirian che, nel 1921, assassinò per vendetta a Berlino, Mehemet Talât pascià, ministro dell’interno dell’Impero ottomano dal 1913 al 1917, poi Gran Visir (1917-1918), considerato tra i principali responsabili del genocidio e della deportazione degli armeni. I disegni e la narrazione cruda e asciutta rievocano tutto l’orrore della logica di sterminio che destinò gli armeni a “tutte le morti possibili”. Dal 2007, anno della prima edizione, Medz Yeghern, il Grande Male è stato tradotto e pubblicato in sardo, francese, spagnolo, olandese, greco e coreano, e ha ricevuto ampi riconoscimenti; in particolare, nel 2009 è stato il primo libro a fumetti insignito, dal Parlamento della comunità francese in Belgio, del premio Condorcet-Aron pour la Démocratie che ogni anno viene assegnato a persone o associazioni che si sono distinte per l’impegno nella diffusione dei principi di libertà, uguaglianza, fraternità e valori umani.
    Product Stock 20+   
  54. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    VANITAS, INSHALLAH è un vero e proprio racconto d'avventura illustrato, stravagante e provocatorio fin dal titolo, che entra nell’universo immaginario e poetico di aleXsandro Palombo, uno dei talenti più sorprendenti della moda italiana e internazionale. A raccontare quest’avventura è Vanitas, il clown incaricato di guidarci tra i ricordi e i sogni, fino al momento fatidico dalla sfilata, in cui il viaggio culmina e in cui Vanitas svela le nuove creazioni di Palombo nella prima sfilata illustrata al mondo, di fronte alla quale il lettore diviene ospite privilegiato e prende parte ai rituali della moda — lo show e gli ambìti ospiti, il backstage e la passerella, le creazioni e le provocazioni, le modelle e i giornalisti di settore. Come in una potente istantanea, il tratto veloce e profondo di Palombo illustra vizi e virtù del mondo della moda e chiude, con graffiante ironia, in un finale sorprendente.
    Un viaggio in cui reale e surreale si rincorrono in un susseguirsi di illustrazioni dal tratto inconfondibile che raccontano con semplicità il pensiero e l’intimità dell’artista, uno sterminato archivio in movimento, una pinacoteca di reperti e ipotesi surreali, precognizioni e fantasie che compongono un inno alla poetica del colore, e permettono al lettore di vivere tra immaginazione e provocazione un sogno chiamato moda.
    Questo volume mostra il Palombo illustratore di sogni e narratore di aneddoti, svelando un temperamento artistico, sconosciuto anche a quanti seguono attentamente la sua poliedrica attività, sul quale egli ha sempre preferito mantenere il riserbo. Lo fa nel linguaggio semplice dei sogni, delle fantasie gioiose e tristi, ricche e allusive, originali e profonde, pur conservando sempre quell’elemento sfuggente e irripetibile proprio dell’autore e del suo stile.La potenza delle pagine illustrate da Palombo non ha bisogno di commenti, e per questo il volume non contiene testi critici ma solo alcune presentazioni intime e private scritte da chi ha conosciuto da vicino la sua personalità ricca e intuitiva, schiva e riservata.
    Product Stock 5   
  55. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  56. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «In questo primo di due volumi Nazareno Giusti ci racconta, come fosse una bellissima favola a fumetti, la storia di Giovannino Guareschi, nostro padre. Una di quelle “storie buffe e malinconiche che”, scrive nostro padre, il fiume “placido e indifferente” raccoglie e «porta via verso il gran mare della storia del mondo”. Siamo entusiasti per le illustrazioni, per la tecnica e per la scelta dei testi inseriti nelle tavole e nei baloon che rivelano una notevole sensibilità e un grande dono di sintesi, specie nei “capitoli” dei due “internamenti” e della sua scomparsa. Una storia che sembra veramente una favola, illustrata con colori surreali che donano profonde emozioni e trasformano la realtà in leggenda. E quando si arriva alla fine della “favola” si è dispiaciuti perché il fumetto è finito.»
    Alberto e Carlotta Guareschi
    Product Stock 3   
  57. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Un Paese immaginario è appena uscito da una guerra lunga e sanguinosa, nel corso della quale eserciti e milizie irregolari hanno addestrato bande di bambini soldato – vittime di un sistema di violenza e ferocia che ha fatto di loro dei “piccoli diavoli” – a compiere truci e crudeli azioni in seno alla popolazione civile per diffondervi il terrore. Uno di loro, Sergio, ormai senza casa e senza famiglia, vaga per il Paese in una sorta di solitaria fuga dall’atrocità, e sembra trovare pace in un piccolo centro di montagna, dove la giovane proprietaria di una fornace, Angela, che è mossa da una caparbio desiderio di riscatto e giustizia dagli orrori della guerra, gli offre un lavoro. Tra i due si stabilisce a poco a poco un rapporto di reciproca attrazione e ammirazione, ma nelle ambiguità della ricostruzione post-bellica – fra traffici d’armi, ex miliziani a piede libero e vecchi e nuovi profittatori – il passato torna a bussare con forza alla porta, e Sergio dovrà intraprendere un percorso doloroso e fare i conti con le responsabilità del passato.

    La rosa sepolta – il titolo è ispirato a una poesia di Franco Fortini del 1946 – è un esordio narrativo fuori dall’ordinario: basandosi su di un lungo lavoro di documentazione, grazie a una trama ricca e toccante, riesce a mettere in una luce originale una realtà drammatica e oscura.
    Product Stock 4   
  58. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «La simpatia istintiva per Guareschi – e me la conferma la lettura del bel “fumetto” o graphic novel, romanzo-biografia disegnata di Nazareno Giusti (che ha anche la fortuna di avere un nome e un cognome esemplari) – mi ha portato ovviamente allo scontro con molti amici, né più né meno della simpatia per Jacovitti, un altro grande personaggio e artista inviso alla ufficialità “marxista” e “liberale” e a certi intellettuali “trinariciuti”, che hanno detestato questi autori e hanno e amano, guarda caso, certi “eroi” del capitalismo statunitense alla Clint Eastwood.
    Don Camillo e Peppone sono stati due grandi invenzioni letterarie, e anche qualcosa di più: la personificazione di due istanze forti di un’epoca forte, quella di un cattolicesimo battagliero nella sua componente più tollerante e “dalla parte del popolo”, e quella di un comunismo di base che fu ben diverso da quello dei vertici, e che si incontrava con il cattolicesimo sociale per il suo millenarismo, per le sue istanze di giustizia. Il “basso” e l’“alto” non hanno mai avuto le stesse ragioni, e, come dice un vecchio proverbio contadino, “chi ha pancia piena non crede al digiuno”, all’esistenza e all’esperienza di chi non ha di che saziarsi. Guareschi ha rappresentato in un modo formidabile e acuto la commedia dei ruoli assunti in una certa epoca storica dalle istanze di un popolo affamato di giustizia, e si è assunto il compito, pagando spesso di persona (l’atroce, stupido caso De Gasperi, una delle vergogne dell’Italia repubblicana) di rappresentare, anche se con una certa dose di retorica, opinioni e sentimenti della “zona grigia”, della “gente comune” e delle sue contraddizioni, bensì vitali.
    Il tempo passa e fa giustizia, e oggi posso continuare ad amare senza vergogna i poveri amanti di Pratolini come il prete e il comunista di Guareschi: “gente così”, la cui storia ci ha segnato e che abbiamo ben conosciuto.»
    dalla postfazione di Goffredo Fofi
    Product Stock 4   
  59. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «Un personaggio senza nome che si muove in un paese senza geografia» racconta la propria infanzia, avvenuta in un paesino di montagna, nel quale «la “saggezza” stava nella bocca dei vecchi, ma la “verità” in quella del prete».
    È in questo difficile equilibrio che il protagonista deve cominciare a comprendere la vita e la società nel succedersi delle generazioni, e scoprire i segreti di un ambiente naturale generoso ma spesso spietato.
    Disorientato dalle reticenze dei genitori, terrorizzato dalle bugie e dalle dicerie del prete, il bambino si affida alle spiegazioni di un anziano e solitario compaesano, L’uomo più vecchio del mondo, al quale egli è legato da uno spontaneo sentimento fatto di affetto, rispetto e complicità, un uomo la cui bonaria saggezza gli appare capace di sciogliere i tanti enigmi che le parole dei “grandi” lasciano irrisolti e di soddisfare la sua crescente curiosità.
    La dolorosa scoperta che anche lui ha condito di fantasiose invenzioni e improvvide panzane le risposte alle sue domande avrà per il bambino il gusto amaro del tradimento.

    In questo delicato e struggente “romanzo di formazione”, Paolo Cossi sembra volerci accompagnare alle fonti della sua vena di narratore e di ricercatore capace di calarsi e districarsi nell’intreccio in cui si mescolano e si scontrano l’invenzione fantastica e la falsificazione menzognera. E lo fa raffigurando l’infanzia come l’età crudele nella quale di questa mescolanza si coglie soltanto il senso di confusione che gli adulti, in tutto ciò che fanno e dicono, si permettono d’infondervi.
    Product Stock 4   
  60. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Maddelena Sisto aveva la capacità di raccontare la moda, non quella ufficiale, ma le mode quotidiane, ovvero i mille modi di mostrarsi messi in atto dalle donne di fine secolo.
    Il volume raccoglie 69 illlustrazioni realizzate da Maddalena Sisto per «Sette» tra il 1999 e il 2000, accopagnate da ricordi e annotazioni di Maria Luisa Agnese, Lina Sotis e Graziano Frediani.
    Product Stock 3   
  61. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Con il suo inconfondibile segno, ricco di citazioni pittoriche, oltre che di ironia, di sensualità, di spettacolare senso del lusso, Antonio Lopez ha reinterpretato, trasformandoli in personalissimi sogni, i capi e gli accessori dei più importanti stilisti internazionali. Lo ha fatto, soprattutto, quando, fra il 1982 e il 1985, ha messo il suo pennello al servizio di Ottavio e Rosita Missoni. Le trentaquattro illustrazioni che questo libro raccoglie, per la prima volta, tutte assieme racchiudono, in un magico, caldissimo mixage di colori, di trame, di tessuti, non soltanto la quintessenza dell’eleganza targata Missoni, ma anche l’autentico, inesauribile “fuoco” che riscaldò, fino a bruciarlo, un artista sempre a caccia delle più intense sensazioni visive.
    Product Stock 2   
  62. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il volume ripercorre la singolare esperienza artistica di Muñoz in quasi quarant’anni di attività di ricerca nel campo del fumetto d’autore e dell’illustrazione contemporanea.
    Arricchito dai testi introduttivi di autorevoli esponenti dell’illustrazione, come Lorenzo Mattotti, o della critica, quali Goffredo Fofi e Bruno Canard, il catalogo attinge da un centinaio di tavole in bianco e nero e da decine di acquarelli e disegni a colori.

    «Credo sia sempre così: quando riflettiamo su qualcuno che è parte viva della nostra storia i pensieri si spezzano, si sovrappongono, si perdono... poi, magari e all’improvviso, si ricollegano in uno squarcio visivo. José Muñoz e il suo lavoro sono, per Mattotti, un pensiero forte, emozionante. Per questo le parole che ha trovato per raccontarlo ogni tanto si smarriscono. Si incrina, a tratti, la voce quando si parla di qualcosa che si ha nel cuore....

    Fu Ravoni, direttore dell’agenzia milanese Quipos di cui facevo al tempo parte, a farmi vedere per la prima volta i lavori di Muñoz. Erano gli anni Settanta. All’inizio non ne fui particolarmente colpito. Ci rivedevo delle cose di Pratt e poi mi pareva freddo, un po’ da manuale, anche se alcuni elementi, e soprattutto la descrizione degli oggetti, erano decisamente interessanti... E siccome Ravoni diceva che erano bravissimi ('erano' perché parlava anche di Sampayo, naturalmente), cominciai a seguire il loro lavoro. Più il disegno che le storie e con un’attenzione particolare per quel modo di trattare gli oggetti, appunto. Le descrizioni così particolareggiate, per esempio i graffiti sui telefoni. Insomma, Muñoz inseriva piano piano nelle storie sprazzi di realtà... Veniva dalla scuola di Pratt e Breccia, entrambi in qualche modo simbolisti: Pratt per aver scelto il mondo dell’avventura e dell’esotico, Breccia perché sempre al lavoro sul metafisico... Per entrambi a soggetto un mondo lontano... Muñoz, invece, raccontava storie che erano legate all’America, Chandler e così via, ma le inseriva decisamente nella realtà che stava vivendo. E incominciai ad apprezzare il suo lavoro...

    La sua prima storia, Il caso Webster, pur raccontata con quel suo segno preciso, così incisivo e descrittivo, e con colpi di dinamismo molto forti, non mi parve eccezionale. Mi pareva di trovarmi di fronte a un bravo disegnatore poliziesco e basta. Ma le cose cambiavano nella prima tavola de Il caso Fillmore. Vi si vede il personaggio circondato da riferimenti alla sua quotidianità: le cicche, le camel, l’orologio... Lui si sveglia, si alza, si accende una sigaretta e va a pisciare: una rivoluzione! La quotidianità che entra in un serial a fumetti! Prima di lui non lo aveva fatto nessuno. A quei tempi c’erano da una parte il fumetto Underground, che raccontava scopate, pisciate e simili in maniera estremamente libera, e dall’altra il fumetto seriale d’avventura, il classico, un personaggio e le sue storie. Due mondi che non si toccavano. La grandezza di Muñoz, e di Sampayo naturalmente, è stata quella di mettere in un fumetto d’avventura seriale elementi di vita quotidiana. Questi elementi hanno poi progressivamente cambiato la realtà del personaggio, cambiando il concetto stesso di serialità. Sia a livello di storie sia a livello di segno. Alack Sinner, nato come detective classico un po’ alla Steve McQueen, si è 'personalizzato', e in questo processo anche il segno ha cominciato a muoversi, a diventare più nervoso, i diversi personaggi hanno preso più spazio, si è modificata la presenza del nero... Su una base di descrittività estremamente precisa, e nella continuità del personaggio, c’è stato un cambiamento continuo. Grazie ai due autori argentini è cambiata completamente l’idea di serialità, si è modificata la struttura della narrazione. Partiti dal classico poliziesco essi sono arrivati, ad esempio nelle ultime storie del Bar, quasi a delle 'non storie', cioè a storie incrociate nelle quali il personaggio è solo un testimone e la struttura è quasi alla Altman... un lavoro enorme!

    Gli autori che hanno, in modi diversi, rivoluzionato il fumetto dando un apporto enorme a tutto quello che sarebbe accaduto dopo, sono stati Moebius da una parte e Muñoz (e Sampayo naturalmente) dall’altra. Il primo perché ha distrutto l’idea della serialità creando uno spazio libero al sogno, alla narrazione senza testo. Moebius ha distrutto l’idea di impostazione della pagina per portare le storie quasi alla struttura del linguaggio automatico. Gli altri hanno invece inserito, nella struttura, elementi che prima non ne facevano parte. E hanno probabilmente fatto un lavoro molto più grosso e molto più importante loro. Comunque, non si può raccontare la storia del fumetto europeo senza passare per questi tre nomi.

    Nelle storie di Muñoz e Sampayo si ritrovano aspetti della loro vita quotidiana: la stanza dove abitavano, i loro amici, i personaggi che si incontravano nelle strade delle città che hanno abitato. L’aspetto soggettivo è sempre stato così forte, nel lavoro di questi autori, che ad un certo punto decisero di mettere se stessi dentro la storia, di andare quasi a far visita al loro personaggio: accade in La vita non è un fumetto, Baby che poi io ho citato come fosse il titolo di una canzone in Incidenti, perché mi aveva colpito tantissimo. Così, raccontando la propria storia all’interno di un mito, nel mito, in quello americano ovviamente, hanno saputo entrare... E appropriandosene sono quasi riusciti a creare una mitologia della propria realtà...

    Con il suo lavoro Muñoz apre finestre. Il disegno non si limita ad essere funzionale alla trama, ma lancia costantemente altri messaggi. Ogni vignetta è una finestra sul mondo che circonda questa trama, e le dà aria, vita. Ed è una vita legata alla vita personale di Muñoz, ai suoi pensieri, ai suoi sogni. Così i personaggi si distorcono in un segno espressionista. Arrivando ad immagini in cui, ad esempio, il segno 'trema' perché trema di paura l’animo del protagonista. Questo è accaduto sempre più spesso con l’andare degli anni e in particolare nelle occasioni in cui Muñoz è diventato sceneggiatore di se stesso, o quando nelle storie c’erano momenti di sogno, e Carlos gli dava spazio. E’ importante ricordare che dietro un segno c’è una vita, c’è tutto un modo di sentire le cose... bisogna dirlo perché ormai la gente non pensa più cosa voglia dire disegnare un’immagine...

    Il rapporto tra la soggettività debordante e il bisogno di raccontare una trama è stato il problema del fumetto degli anni settanta che usciva dalla serialità. A partire da lì ogni disegnatore ha dovuto scegliere il proprio rapporto con la soggettività... Nel lavoro di Muñoz il giallo non era più giallo perché ci erano entrati passato, personaggi secondari con le loro storie, incubi personali... Tutte nuove finestre... Mentre il nero inizialmente serviva a definire l’immagine, nel tempo è diventato proprio l’elemento che l’ha distrutta. Nelle tavole a matita di José la definizione degli oggetti è incredibile; poi l’inchiostratura le cambia radicalmente. Di un portacenere rimane solo la cicca e il resto è nero, di una libreria rimane solo l’ombra dei libri... eppure si riesce a vedere tutta l’immagine. Muñoz usa dunque il nero per tirar fuori l’essenza di una sensazione.

    Importantissima, nel lavoro di José, è l’organizzazione delle tavole. All’inizio era classica, all’americana... erano gli anni dei primi film di Scorsese, come Taxi Driver, tutto il cinema americano degli anni Settanta, Sinner trasuda di questo, quasi lo anticipa... mi ricordo che quando andavamo a vedere i film americani si diceva 'Ecco, questo è il regista che potrebbe filmare Sinner nella maniera giusta'. E c’era, prima, tutta la tradizione del film americano, John Huston, Giungla d’asfalto, il bianco e nero che poi Muñoz riprese... La maniera di mettere in pagina era dunque da una parte quasi classica, i tagli cinematografici eccetera, dall’altra però era caotica... Un’organizzazione di fondo molto forte, che poi il bianco e nero distrugge. Sono sempre pagine molto dense e anche se questa densità può creare problemi di lettura della trama, certamente definisce molto bene il mondo che Muñoz racconta e che è la sua vera trama. Le storie non sono in fondo che una scusa per raccontare un mondo...

    Per Muñoz e Sampayo fare fumetti non è mai stato un mestiere, bensì un filtro della realtà. Una vocazione, un’attività che riconosce un preciso senso etico... una sorta di missione. Il fumetto come portatore di contenuti o di contraddizioni in cui loro credevano fermamente. Il loro lavoro come testimonianza di una realtà... vivevano questo con grande convinzione. Quella in cui li ho conosciuti è stata una delle epoche d’oro del fumetto, in cui il fumetto era un linguaggio con la stessa dignità del cinema o della letteratura. Per Muñoz è rimasta una missione, sebbene il fumetto non dia certo grandi soddisfazioni...

    I due elementi fondamentali del lavoro di José sono probabilmente l’idea di cambiamento e la tensione alla positività, la spinta ad uscire dall’inferno simboleggiato dalla città di Alack Sinner... Ricordo una delle immagini di Muñoz che più mi commossero, una delle storie del bar... vi si vede un vecchio disegnatore che forse, non ricordo i dettagli, ha davanti le sue tavole... è un’immagine di dolcezza assoluta, ma dietro a quell’immagine c’è una storia sofferta. Mi parve (e mi pare) una conquista incredibile... Guardarla mi regalò uno di quei rari momenti in cui sento che forse vale la pena di fare questo mestiere...»

    Lorenzo Mattotti
    a cura di Lilia Ambrosi
    Product Stock 5   
  63. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Con un motivo ispiratore comune “Il centenario della nascita del principe Antonio De Curtis”, cinquanta disegnatori, illustratori, grafici, artisti di tutt’Italia, dal grande Ugo Nespolo ideatore della copertina, al metafisico Toppi, al surreale Toccafondo, rendono omaggio, ciascuno con il proprio tratto caratterizzatore, a quel grande attore e comico che ha avuto soprattutto il merito di saper dissacrare le bigotte abitudini e le rigide certezze dell’Italia del dopoguerra.
    Product Stock 5   
  64. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il racconto di Salvatore D’Agostino si svolge su due livelli: la storia di quotidiana rassegnazione e codardia di un piccolo commerciante, rovinato dalla mafia e la rappresentazione di un’intensa poesia di Buttitta sui mali endemici della Sicilia. Le due storie s’intrecciano veloci, quasi un botta e risposta che affascina il lettore.
    D’Agostino usa stili diversi nell’affrontare i racconti paralleli: espressionista, geometrico, essenziale in quello del commerciante, cui l’uso drammatico dei neri, i volti deformati, le prospettive falsate conferiscono una dimensione quasi onirica; più pittorica, i neri sgranati, l’impaginazione veloce, le vignette che si accavallano quasi a rincorrersi, nella rappresentazione della poesia. Quest’ultimo è l’aspetto che colpisce maggiormente: l’autore è riuscito a rendere l’urgenza dell’estro creativo, il rincorrersi di quelle vignette come il crescendo drammatico delle parole di Buttitta.
    Product Stock 5   
  65. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «Realizzare una mostra dedicata a Federico Fellini è come cercare di isolare una goccia d’inchiostro nell’oceano. Molto ha seminato e molto ha immaginato con il suo cinema il Maestro di Rimini.
    Ha offerto agli spettatori una prospettiva, un punto di fuga, sogni, incubi, incantesimi, emozioni, fiabe. Ha soprattutto raccontato la vita come pochi altri hanno saputo fare: sfidandola, strapazzandola, amandola. È stato un vero pittore, un artista che ha mescolato e nello stesso tempo allargato i confini dell’espressione umana. Per tutto questo, cercare di circoscrivere una mostra dedicata all’arte di Federico Fellini può sembrare un’impresa titanica. Allora l’unico percorso possibile è quello di procedere per avvistamenti, documentare tracce, frammenti di lavoro che Fellini ha sparso nel corso della sua carriera artistica. Insieme a Milo Manara abbiamo condiviso una bella amicizia con Fellini, ci riteniamo fortunati per questo. Un’amicizia che ha lasciato un segno indelebile nella nostra vita. »
    Product Stock 5   
  66. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Alla ricerca del fratello rapito da un cileno, signore della droga, una giovane donna poliziotto newyorkese deve affrontare innanzitutto i propri superiori, contrari alla missione, e poi una serie di personaggi loschi e omertosi.
    Raggiunto finalmente il palazzo del signore della droga in Cile, iniziano le vere sorprese. Il fratello non è stato rapito, ma anzi è diventato il “pastore” di un malsano e oscuro culto del Dio Serpente che appare agli accoliti, dediti all’uso di cocaina, come un invincibile anti-Cristo.
    Product Stock 5   
  67. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Omaggio a Albert Uderzo e René Goscinny

    Sono più di quarant’anni che Asterix tiene compagnia ai lettori di tutto il mondo: è nato infatti il 29 ottobre del 1959 sulle pagine di “Pilote” e si può ben dire che sono quarant’anni portati bene!
    Il catalogo – ricco di informazioni, aneddoti, biografie e curiosità, e illustrato da splendidi disegni inediti, tavole pubblicitarie, schizzi, fotografie a colori e in bianco e nero – fornisce l’occasione per approfondire la conoscenza del simpatico gallico, è anche un sentito omaggio ai suoi “padri”, Albert Uderzo e René Goscinny.
    Product Stock 3   
  68. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Quali sono le ragioni del successo di Star Trek? Per quale motivo cattura fin dal suo esordio l'immaginazione di un pubblico così ampio? E per ché questa,saga spaziale continua, da ben 30 anni, a tener desto l'interesse degli spettatori?
    Per spiegare il boom iniziale di Star Trek è necessario fare un salto indietro nel tempo, nei favolosi anni Sessanta. Le note dominanti del decennio quanto meno all'inizio sono l'ottimismo, la fiducia in un futuro migliore, e più prospero, da realizzare - perché no - anche al di là dei confini della nostra galassia. In questi anni, infatti, prende corpo la grande sfida spaziale e il sogno eterno del viaggio fra le stelle sembra sul punto di divenire realtà. A lanciare la sfida è lo stesso presidente John F. Kennedy che nel 1961 incita gli americani a vedere proprio nello spazio la “nuova frontiera” da conquistare. Solo qualche anno più tardi il celebre scrittore di scienza e fantascienza Arthur C. Clarke sviscera – tra l'ironico e lo scientifico – i concetti di trasporto istantaneo e di viaggio spaziale in una serie di saggi: Profiles of the Future Star Trek, dal ’66 in poi, viene dunque ad assolvere a una duplice funzione: racconta ai tele spettatori un'appassionante awentura ambien tata proprio nello spazio e regala un volto al mondo ad altissima tecnologia del futuro. La “nuova frontiera” che approda sui teleschermi di tutto il mondo ha senz'altro una marcia in più rispetto al presente e alle prospettive con crete della politica (non dimentichiamo che i Sessanta sono gli anni della guerra fredda). Star Trek è improntato all'ottimismo e ai valori etici. Visto dal salotto di casa, il mondo del domani appare dominato da un progresso inarrestabile fondato su un radicatissimo senso dell'etica, che regola la vita all'interno del microcosmo-astronave e le relazioni del suo equipaggio con l'universo alieno.
    Product Stock 5   
  69. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    «Alcuni definiscono “Star Wars” un fumetto; la cosa non mi disturba.
    Proprio come la Pop Art, anche il fumetto ha una sua tradizione. Una tradizione che ci riporta al mondo delle caverne, e che ci spinge negli strani meandri di quelle opere così diabolicamente interessanti come quelle di Philippe Druillet.
    Il fatto è che il fumetto non è un’espressione artistica “leggera”. Agli occhi dei suoi fans, può toccare livelli anche molto seri. Se il fumetto, così come se lo immaginano quelli come Druillet, oggi è meno comico, è perché l’ingenuità dei giovani e l’innocenza dei loro sogni stanno sparendo.
    C’è stata una rapida crescita cosmica.
    Non stupisce quindi che i bambini si rivolgano oggi agli autori delle loro storie di fantascienza, psicologicamente più complessi, a quelli come Druillet, che riescono ad aprire lo sguardo a tutti i tipi di visioni, anche a quelle più strane.
    La verità è che, in un’epoca in cui mal sopportiamo l’illusione quotidiana, sappiamo ancora troppo poco di ciò che può esistere nell’aldilà, o in qualche altro posto. Per cui, siamo lì, in attesa di sonde che ci rivelino l’esistenza di una forma di vita su Marte, piuttosto che su Venere, e che ci facciano pervenire quelle immagini che tanto appassionano gli scienziati.
    Ma, per un mondo in attesa, avido di speranza, questo non riduce certo l’impazienza dei nostri sogni, anzi, diventa solo un ostacolo evidente alle nostre aspettative decisamente più grandi. Tutto il resto sono solo chimere, solo sogni; e quei sogni appartengono al profondo di ciascuno di noi; si incollano alla nostra pelle, così fortemente, proprio come la nostra vera personalità nascosta. Alcuni sognatori vanno più lontano, ecco tutto, e vengono trascinati dai loro fantasmi ai confini dell’immaginario. Philippe Druillet è uno di questi. I suoi sogni sono stati pubblicati sotto forma di raccolte, “Délirius”, “Yragaël”, “Urm”, ... grazie alle quali è stato reso ai sogni un particolare riconoscimento.
    Le sue leggende barbare non finiscono mai di affascinarmi e lo considero un illustratore straordinario, dotato di una potentissima vena creatrice. Di fronte alla durezza che traspare dall’orrore e dalla violenza dei suoi mondi infernali, ci viene in mente spesso Blake, così come salta immediatamente agli occhi l’ispirazione gotica delle sue architetture emaciate. Mi piacciono i suoi personaggi disgraziati, consumati dal desiderio demoniaco di possedere il potere assoluto, e ancora di più i suoi eroi, eredi senza tempo di antiche saghe nordiche.
    Direte che è pura follia, e in parte sarà anche vero. Ma se il mondo che ci circonda è sano di mente, allora sono solidale con Druillet e con tutti quelli su cui, prima o poi, si abbatterà la collera divina. Così come con tutti i veri, autentici creatori.»
    Product Stock 2   
  70. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il ritrovamento del corpo di Albert Lenantais, suo vecchio amico, porta il detective privato Nestor Burma a indagare sull’ambiente anarchico di cui egli stesso aveva fatto parte, vent’anni prima.
    Non è il solito caso per l’agenzia Fiat Lux : questa volta si tratta di qualcosa di personale, se non altro perché “il caso” si preannuncia nelle vesti di una bella e giovane zingara, Bélita...
    Product Stock 4   
  71. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Denis de Rougemont, grande svizzero, europeista ante litteram e soprattutto eminente uomo di cultura, nella prefazione ad uno dei suoi ultimi libri La Svizzera o la storia di un popolo felice del 1970 affermava che gli svizzeri, che secondo i sondaggi d’opinione di allora erano al primo posto fra i popoli che si considerano felici, erano tuttavia altrettanto inquieti. Fra le inquietudini evocate, de Rougemont ne individua una ancora molto presente: l’inquietudine spirituale e morale. Non è che tanta pace e prosperità sono state guadagnate a scapito della nostra anima? A scapito della nostra vera ragion d’essere?

    Nella nostra società ipertecnologica è fondamentale che l’universo sensibile, l’universo dell’immaginazione e della creatività faccia da contrappunto al mondo del pensiero puramente razionale. La nostra società, in Svizzera come altrove, ha più che mai bisogno d’immaginazione, di creatività e d’innovazione. Applicazione, ordine, prosperità, neutralità, puntualità e senso del dovere, tutto ciò non sarà sufficiente per traghettare la Svizzera con dignità attraverso il ventunesimo secolo; la sopravvivenza e la credibilità del nostro Paese transitano anche da altri valori, magari intellettuali come la cultura e le arti.

    Cosa di meglio allora di una mostra sul fumetto, «nona arte», forse ritenuta a torto meno nobile di altre, che dell’immaginazione e della fantasia ha fatto la propria cifra stilistica? Questa mostra di una trentina di giovani autori fra i più creativi, alcuni già conosciuti altri meno, si presenta come un vero e proprio viaggio, tanto caro al precursore Rodolphe Töpffer, dai molteplici itinerari.

    Rodolphe Töpffer (1799 – 1846), personaggio eclettico dalle multiformi capacità, nella sua lunga e articolata carriera si cimentò in diversi generi, ma soprattutto in quello letterario e caricaturale, dimostrando quanto fosse grande la sua capacità di trasmettere ironia e umorismo con intelligenza.

    I 31 artisti romandi e svizzero-tedeschi rendono omaggio al maestro, ne raccolgono l’eredità ognuno con una sua specifica caratteristica, ma sempre con humour e spirito satirico, attraverso diverse forme espressive: grafica, illustrazione, fumetto, film d’animazione. E proprio con il cinema d’animazione si arricchisce l’appuntamento milanese, che conclude il lungo periplo in Italia di questa mostra, organizzato con solerzia da Gianni Miriantini, Roland Margueron e Hazard Edizioni di Milano, che ne ha edito il bel catalogo. In effetti, grazie anche alla collaborazione del Centre culturel français de Milan, il CCS – Centro culturale svizzero – organizza una rassegna di quattro registi d’animazione, fra i più illustri in Svizzera, presenti in mostra.

    La parola “animazione” deriva dal latino «anima», vale a dire soffio di vita. Fare dell’animazione significa creare la vita, inculcare vitalità a cose inanimate. L’animazione è un’arte completa, la sintesi perfetta delle diverse espressioni artistiche: l’arte pittorica per le tecniche d’animazione, la musica per il tempo e il ritmo, la danza per il movimento e lo spazio, la letteratura per la sceneggiatura e l’immaginazione per il contenuto dei film. Tornando al nostro de Rougemont, come non intraprendere quindi anche questo cammino?

    Domenico Lucchini
    Direttore CCS Milano
    Product Stock 5   
  72. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 3   
  73. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 4   
  74. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Ambientata agli inizi del secolo in una New York popolata da un’umanità in cerca di riscatto e che deve fare i conti con la dura realtà dell’emigrazione, la vicenda si snoda attorno a Stefan Wilde, detto «Tsarèvitch», portinaio in un grosso stabile del West Side, al quinto piano del quale si trova un bordello...
    Product Stock 4   
  75. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  76. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Perfetto compendio del primo storico film Heavy Metal e succulenta anteprima del lungometraggio di animazione che scuoterà le fondamenta dello star system di Hollywood, il volume raccoglie gli studi e le illustrazioni del character design Simon Bisley.
    Product Stock 5   
  77. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 4   
  78. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 4   
  79. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  80. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 5   
  81. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 20+   
  82. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Da sempre la storia del tarantismo si è prestata a multiformi interpretazioni. Di volta in volta è stato definito “fenomeno da baraccone”, gente in preda all’isteria”, alla “magia”, alla “possessione”, alla “malattia”, … ognuno ha trovato nel corso del tempo ciò per cui si era messo in viaggio: il ripristino di una curiosità, eccentricità, coscienza di sé, folklore, scienza… Musica, rito, mito contesto sociale hanno plasmato i territori e la gente che ha voluto o dovuto ricorrere a questo istituto magico-culturale- religioso e musicale, per ripristinare un’armonia fra il luogo, la persona e il mito. In questa bella graphic novel Paolo Cossi ci porta nel tarantismo attraverso il racconto vissuto da uno studioso e da una tarantata che nel malessere di questa esperienza trovano una la loro risposta. Ora, con questo volume, il fenomeno del tarantismo si presta con tutto il suo portato storico immaginario all’arte del fumetto che ne illustra la storia vera o inventata che sia, con un linguaggio di segni e parole e ci seduce con la musica, i colori, gli odori
    Product Stock 17   
  83. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    L’Italia dei primi anni Ottanta, gli ultimi, e forse i più terribili, dei cosiddetti “anni di piombo” è un Paese pronto a entrare nel nuovo decennio, il decennio del riflusso, si dice. È ambientata qui la storia “negli”, più che “sugli”, anni Settanta narrata da Sergio Filippini, che è soprattutto la storia dell’amicizia, nata sui banchi di scuola, dei tre protagonisti, Enrico, Francesco e Demetrio, passata attraverso i primi scontri sociali e poi il terrorismo, col disastro politico e umano che li travolge. Una storia semplice ma ben incastonata in un contesto complicato e duro, che muove da una profonda riflessione su quel momento storico.
    Sergio Filippini, nato a Brescia quarant’anni fa, disegna e legge fumetti da che ne ha memoria. Ha frequentato la scuola di fumetto “L’Aleph” diretta dal compianto Rubén Sosa e da allora ha sviluppato molte storie, scrivendole e disegnandole, e partecipato a molti concorsi. In collaborazione con l’amico Raffaele Scotti ha disegnato due racconti a fumetti autoprodotti che circolano in rete. Questa è la sua prima e per ora ultima Grande Opera.
    Product Stock 20+   
  84. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 4   
  85. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 2   
  86. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 0   
  87. HAZARD
    Collana:
    Serie:
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 0   
  88. HAZARD
    Collana: IKKI MANDALA
    Serie: IKKI MANDALA
    FUMETTI > MANGA
    Product Stock 20+   
  89. HAZARD
    Collana: ALABASTER (HAZARD)
    Serie: ALABASTER (HAZARD)
    FUMETTI > MANGA
    Alabaster è l’alias scelto da James Block, un nero del Wisconsin, un tempo acclamato campione olimpionico, finito in prigione per aver aggredito pubblicamente Susan Ross, una starlette della televisione che, dopo essersi accompagnata a lui per “interesse d’immagine”, ne aveva respinto l’amore, a motivo del colore della sua pelle.
    Product Stock 20+   
  90. HAZARD
    Collana: ALABASTER (HAZARD)
    Serie: ALABASTER (HAZARD)
    FUMETTI > MANGA
    Alabaster è l’alias scelto da James Block, un nero del Wisconsin, un tempo acclamato campione olimpionico, finito in prigione per aver aggredito pubblicamente Susan Ross, una starlette della televisione che, dopo essersi accompagnata a lui per “interesse d’immagine”, ne aveva respinto l’amore, a motivo del colore della sua pelle. Il volume conclusivo del manga di Tezuka
    Product Stock 20+   
  91. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Il racconto è incentrato sulla parte meno conosciuta della vita del Divo, ma proprio per questo molto importante, perché basata su quegli aspetti psicologici e caratteriali che spingeranno un Rodolfo sedicenne a partire a breve per l’America in cerca, non di fortuna ma di una realizzazione personale e professionale, sfuggendo al senso di ingabbiamento nella società d’inizio Novecento, legata a canoni tradizionali e in netto contrasto con la sua personalità anticonformista.
    Product Stock 20+   
  92. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    In questo bel volume, tutto a colori, si racconta in modo avventuroso come nel 1087 un gruppo di marinai baresi si impossessarono delle reliquie di San Nicola, allora custodite nella antica città di Myra in Turchia per traslarle a Bari. Complimenti a Olga Mazzolini per la bella storia e a Samuele Sambuco per i disegni.
    Product Stock 20+   
  93. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Un volume stupendo scritto da Marco Gastoni e splendidamente disegnato da Nicola Gobbi. Un volume che ripercorre in tre millenni la leggenda e la storia sociale di un bosco di ulivi del Salento.
    Product Stock 20+   
  94. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 20+   
  95. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 20+   
  96. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 20+   
  97. HAZARD
    Collana: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    Serie: MIDI - FUMETTI PER IL SUD
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 20+   
  98. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > MANGA
    Product Stock 20+   
  99. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > MANGA
    Product Stock 20+   
  100. HAZARD
    Collana: VOLUME SINGOLO
    Serie: VOLUME SINGOLO
    FUMETTI > FUMETTI VARI
    Product Stock 18   

Articoli da 1 a 100 di 106 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2

Lista Griglia

Imposta ordine discendente